Testimonianza familia Hospice

L’Hospice è un luogo che comunemente si associa alla tristezza e al dolore, un posto che presuppone la fine di tante speranze.

Quando ci siamo rivolti a questa struttura, già sconsolati per la diagnosi tanto nefasta quanto inattesa della malattia di nostro papà, eravamo angosciati, scettici, pieni di timori ed anche di rabbia data l’esperienza vissuta in ospedale.

L’idea di affidare il nostro papà a degli sconosciuti ci tormentava quanto la consapevolezza della sua malattia e della nostra impotenza di fronte ad essa.

Ma appena varcata la soglia di questa struttura ci siamo dovuti ricredere. Non è retorica … Ovviamente non ci avete illuso e non avete potuto fare il miracolo. Ma abbiamo incontrato delle persone eccezionali: dai medici agli infermieri, dagli operatori e a tutto il personale, non delle persone comuni, ma degli angeli.

Angeli che hanno accolto il nostro papà con amorevoli cure e che hanno saputo dargli sostegno e serenità accompagnandolo nella sua malattia con sensibilità e affetto.

Angeli che hanno accolto anche noi, insieme a lui, dandoci la possibilità di stargli sempre accanto, ospitandoci nella stessa camera senza mai farci sentire d’intralcio nello svolgimento del loro “lavoro” o forse meglio della loro missione.

Angeli sempre presenti e pronti a correre ogni qual volta suonavamo il campanello, ad ascoltarci, a rispondere alle nostre mille e più domande, a donarci un sorriso, una parola di conforto o anche solo una camomilla calda.

Ci avete accolto,  ci avete aiutato e confortato condividendo con noi un mese di vita, di dolore e di sofferenze.

Grazie a chi ha creato questa struttura dandole questa connotazione così familiare e accogliente e grazie a tutti voi per la vostra professionalità, la vostra sensibilità e la vostra presenza. Presenza che ancora oggi ci fate sentire e di cui ancora possiamo godere venendo a trovarvi qui in questo posto che contrariamente a quanto verrebbe da pensare non associamo alla morte, ma a tanti ricordi ed emozioni.

E persino la morte ora è diventata qualcosa di cui non aver più paura. In questo senso siete riusciti a sconfiggerla pur non potendo fare il miracolo.

Questa dolorosa esperienza ci ha tolto tantissimo, ma ci ha comunque donato qualcosa.

Grazie