Abbiamo ricevuto la visita di Rai3. E’ stato un incontro emozionante. Daniela Cuzzolin, giornalista del tg3, mi ha rivolto qualche domanda ed io ho risposto grazie al mio inseparabile e prezioso computer che mi permette di parlare con gli amici e di navigare nel mondo di internet. Sono sempre entusiasta quando qualcuno si occupa del nostro mondo perché noi abbiamo bisogno di farci conoscere e di comunicare con gli altri per fare capire che non c’è solo sofferenza e dolore in questi luoghi ma ci sono delle persone che hanno voglia di farsi sentire, interagire con il mondo dei “normali” per dire e raccontare le proprie esperienze, i loro sogni e le loro speranze.

Queste strutture ospitano malati che necessitano di una assistenza continua per  tutta la giornata, una assistenza amorevole che ci viene elargita con serietà professionale da tante persone: medici, infermieri e operatori, svolgendo così un importante opera sociale, spesso lasciata vacante dalle istituzioni.

Le famiglie dei malati, in questo modo, si trovano alleggerite ed aiutate in queste operazioni di assistenza verso i loro cari e si possono dedicare ai loro impegni quotidiani senza l’affanno e senza  il pesante fardello rappresentato dai malati complessi.

Ritengo sia importante non dimenticare i malati e i disagiati, un segno di civiltà da parte di tutti!

Luigi Picheca

luigi.picheca@iable.it

Daniela Cuzzolin al termine della visita ha salutato Luigi  così: “ciao collega!”

Progetto SLAncio, la Casa dove vive Luigi Picheca,  ospita  71 persone malate di SLA, in Stato Vegetativo e ricoverate in Hospice. Una struttura di eccellenza che ha lo scopo  di assistere e migliorare la vita delle persone malate e dei loro familiari.

www.progettoslancio.it  – info@progettosalncio.it